Sindrome da sovracrescita batterica – SIBO

La sindrome da sovracrescita batterica dell’intestino, conosciuta anche con l’acronimo SIBO – (Small Intestinal Bacterial Overgrowth), è una condizione in cui si verifica un’eccessiva proliferazione batterica nei tratti alti dell’intestino, che può portare a disturbi digestivi di varia entità o a malassorbimento intestinale.

Questa problematica può comparire in seguito ad alterazioni della motilità gastrointestinale o per mancanza di secrezione acida gastrica.

Negli ultimi anni, è stato possibile registrare un notevole incremento dell’incidenza legato sia alla dieta sbagliata che all’abuso di alcune tipologie di farmaci, come gli inibitori della pompa protonica (usati nella terapia del reflusso gastroesofageo).

I sintomi della SIBO sono simili a quelli delle sindromi da malassorbimento, pertanto è possibile riscontrare:

  • gonfiore addominale,
  • meteorismo,
  • flatulenza,
  • eruttazioni,
  • dolori o crampi addominali,
  • stipsi,
  • diarrea,
  • reflusso gastroesofageo,
  • deficit nutrizionali e vitaminici,
  • nausea,
  • malassorbimento.

Alcuni pazienti riferiscono di essere asintomatici: in questo caso si arriva alla diagnosi dopo un accurato studio clinico, dopo aver rilevato importanti, ed apparentemente inspiegabili, carenze nutritive (tipico il deficit di vitamina B12 o l’anemia) e calo ponderale.

La severità dei sintomi è soggetta ad ampie variazioni, in funzione dell’entità della carica batterica, delle specie implicate e dell’estensione del tratto intestinale interessate.

Come sappiamo, l’equilibrio della flora batterica intestinale (eubiosi) condiziona la salute del nostro organismo: per questo, la SIBO, può essere associata a varie condizioni come ipotiroidismo, intolleranza al lattosio, fibromialgia, morbo di Crohn, steatosi epatica non alcolica, IBS.

Quali sono i fattori di rischio per la SIBO?

Esistono vari fattori che, a lungo andare, possono generare la comparsa di questa problematica:

  • dieta scorretta,
  • stress prolungato,
  • abuso di alcune tipologie di farmaci,
  • deficit immunologici,
  • gastro resezioni,
  • ipocloridria,
  • anomalie motorie (ad esempio sclerosi sistemica, neuropatia diabetica)
  • anomalie anatomiche (ad esempio atrofia gastrica, diverticoli, stenosi).

Recenti ricerche scientifiche, inoltre, hanno evidenziato una correlazione con la sindrome da intestino irritabile (IBS) stimando una casistica che può colpire fino all’84% di pazienti affetti.

La diagnosi della sovracrescita batterica avviene tramite breath test (test del respiro) dopo la somministrazione di glucidi come glucosio, lattulosio o xilosio. Si tratta di un esame semplice, veloce e non invasivo che consiste, semplicemente, nell’espirare aria ad intervalli di tempo regolari.

Il test si considera positivo quando, misurando la concentrazione di anidride carbonica, o idrogeno, nell’aria espirata, si riscontra un picco ad insorgenza precoce: questo avviene per la fermentazione batterica dello zucchero nell’intestino tenue che va a produrre Co2 e H2.

In presenza di sindrome da sovracrescita batterica, si raccomandano modifiche alla dieta, dato che porta nutrimento ai batteri intestinali, ed allo stile di vita (con marcata riduzione dello stress).

Trattandosi di un problema che parte dalla fermentazione, la dieta dovrà portare ad una riduzione dell’apporto di carboidrati e zuccheri e ad una ridistribuzione dei pasti all’interno della giornata (pasti più leggeri ma più frequenti).

Da evitare dolcificanti ed alimenti con zuccheri della frutta aggiunti (fruttosio), verdure fibrose ed alimenti ricchi di fibre come i legumi.

Importante non trascurare eventuali carenze alimentari riscontrate, che andranno compensate mediante specifica integrazione di micronutrienti, in particolare in caso di ipovitaminosi.

Anche lo stress andrebbe monitorato e successivamente trattato, dato che può ridurre la secrezione di acido cloridrico e la peristalsi intestinale, aumentando il rischio di sviluppare la sindrome.

Data la delicatezza del tema e le possibilità che possa peggiorare condizionando seriamente la nostra salute, è altamente sconsigliato un approccio “fai da te”. Consultare sempre uno specialista della nutrizione per una corretta diagnosi della problematica abbinata alla scelta del giusto approccio curativo.

 


Richiedi informazioni