Sindrome metabolica: cos’è e come prevenirla?

La sindrome metabolica è un insieme di fattori di rischio che aumentano la possibilità di sviluppare patologie cardiovascolari (rischio due volte superiore) e diabete (rischio 5 volte superiore).

Le condizioni che predispongono allo sviluppo della sindrome metabolica sono:

Maggiore è il numero di condizioni di cui si soffre, maggiore è la probabilità di sviluppare la sindrome metabolica, condizione diagnosticabile quando sono presenti 3 o più fattori di rischio.

Questa condizione interessa quasi la metà delle persone adulte con età superiore a 50 anni, ed è destinata a crescere ulteriormente visto il dilagare dell’obesità infantile.

Le persone soggette a questa condizione corrono un rischio maggiore di subire malattie cardiovascolari, renali, oculari ed epatiche (il rischio è 4 volte superiore rispetto alle persone senza sindrome metabolica).

È importante sottolineare, inoltre, che il rischio di sviluppare questa condizione aumenta con il passare degli anni e che predisposizione genetica e scarso esercizio fisico possono giocare un ruolo di una certa importanza nell’insorgenza della sindrome.

In molti casi, chi ne è affetto non è propriamente malato ma ha un’elevata probabilità di diventarlo se non apporta modifiche radicali al proprio stile di vita: per questo è doveroso regolarizzare le nostre abitudini alimentari, ridurre lo stress ed iniziare a praticare attività fisica prima che sia troppo tardi.

Quali sono i sintomi della sindrome metabolica?

Nonostante i rischi connessi a questa condizione, la maggior parte delle persone che ne soffre non manifesta sintomi e, spesso, afferma di sentirsi bene: per questo è importante prestare attenzione ai fattori di rischio sopra riportati e, qualora presenti, consultare uno specialista della nutrizione per un controllo finalizzato a pianificare un cambiamento della dieta e dello stile di vita.

Come prevenire la sindrome metabolica?

Per poter prevenire la condizione è sufficiente seguire le regole di uno stile di vita sano:

  • Mantenersi in peso forma, evitando condizioni come sovrappeso ed obesità (in particolar modo l’accumulo di grasso a livello addominale).
  • Svolgere regolarmente attività fisica (anche leggera).
  • Seguire una dieta bilanciata, ricca di fibre, frutta, verdura.
  • Ridurre il consumo di carboidrati semplici (in particolar modo quelli contenuti in bibite, merendine e snack confezionati).
  • Ridurre il consumo di alimenti grassi e di sale (da sostituire con spezie, limone o aceto balsamico).
  • Smettere di fumare e di consumare frequentemente bevande alcoliche.

Qualora il cambiamento dello stile di vita non fosse sufficiente per ostacolare l’insorgere del problema, è possibile valutare una supplementazione con specifici micronutrienti che possono aiutare ad affrontare la condizione.


Richiedi informazioni