Sole, caldo ed idratazione: come comportarsi?

Finalmente è arrivata la bella stagione e, con lei, giornate calde e maggiore esposizione ai raggi solari, per questo è necessario rimodulare le nostre abitudini alimentari per sopperire ad un consumo maggiore di acqua e minerali.

Il nostro corpo, infatti, è composto prevalentemente da acqua che permette la comunicazione fra le nostre cellule e porta nutrimento agli organi ma non solo: permette anche di eliminare le scorie accumulate dal nostro organismo.

La sudorazione (meccanismo messo in atto dal nostro corpo per mantenerlo ad una corretta temperatura) può portare verso uno stato di disidratazione, condizione che mette il nostro corpo in uno stato di allerta con varie reazioni a catena:

  • aumenta la concentrazione di sali minerali che porta ad un prelievo di acqua dalle cellule con restringimento del loro volume,
  • i reni cercano di risparmiare acqua producendo un’urina più concentrata (procedimento che usura maggiormente i loro tessuti),
  • insorgono sensazioni di spossatezza, nausea e crampi muscolari.

Importante bere spesso durante la giornata, assicurandosi un apporto di almeno 1.5 litri di acqua (questo è il valore minimo ma i valori ideali andrebbero calcolati sulla base dell’effettivo fabbisogno che dipende da vari fattori come età, sesso, condizioni fisiologiche ed ambientali).

Dovete sapere che non tutte le acque sono uguali: vi consiglio, infatti, di controllare sempre il valore indicato alla voce “residuo fisso” dell’acqua che state bevendo. Se soffrite di calcoli renali, è meglio optare per delle acque minimamente mineralizzate (con residuo fisso inferiore a 50mg/l) o oligominerali (con residuo tra 50 e 500mg/l) che vi aiuteranno ad eliminare le scorie.

Le acque oligominerali sono indicate anche a chi soffre di pressione alta dato che favoriscono la diuresi ed eliminano il sodio in eccesso.

Se non soffrite di questi problemi, o se avete carenza di minerali, potete optare per delle acque mineralizzate (con residuo oltre 500mg/l) che aiuteranno a reintegrare i valori in difetto.

Anche l’alimentazione può aiutare in questo periodo: la natura ci aiuta offrendo frutta e verdura di stagione particolarmente ricca di acqua come cetrioli, pomodori, ananas e anguria che, oltre agli antiossidanti, permettono di ristabilire un corretto equilibrio idrico.

Se fate fatica a bere acqua, potete provare delle bevande detox: sono a base di acqua e frutta / verdura infusa, un modo gustoso per portare con voi la giusta carica di acqua ed antiossidanti.

Potete prepararle alla sera prima, lasciando pezzi di frutta e verdura (quelli che preferite, purché freschi e di stagione) in infusione, in frigorifero, in un litro di acqua per poi consumarle nell’arco della giornata.

Un’alternativa più semplice, ma altrettanto appagante, può essere costituita da un bicchiere di acqua gasata con ghiaccio e succo di limone.

Un altro integratore naturale è rappresentato dagli estratti e dalle centrifughe: in questo caso vi consiglio di optare per dei mix a base di verdura e poca frutta (per evitare gli eccessi di fruttosio).

Da non dimenticare gli antiossidanti, ottimi per proteggere la nostra pelle dall’esposizione solare: ad esempio possiamo trovare un’ottima quantità di antocianine nei frutti di bosco o il licopene all’interno dei pomodori o ancora preziosi carotenoidi in frutta e verdura arancione (come albicocche, melone, peperoni e carote).

Da evitare, invece, bibite e succhi di frutta industrializzati (ricchi di zucchero) ed alcolici (accentuano lo stato di disidratazione) o il saltare pasti con la convinzione che possa aiutare a perdere peso.

La dieta dovrebbe essere principalmente composta da verdure, legumi e cereali integrali: si possono preparare ottime insalatone fresche (ideali anche per i più piccoli) che, oltre a rifornirci di tutti macronutrienti di cui abbiamo bisogno, permettono anche di smorzare la sensazione di calore eccessivo. Meglio evitare alimenti ricchi di sodio (ad esempio insaccati, burger e prodotti confezionati), cotture come le fritture e grassi saturi (come, ad esempio, burro o strutto).

No a colazioni a base di brioche e cappuccino, al loro posto meglio optare per frutta, yogurt e cereali.

Ricordatevi sempre di fare del movimento: la sedentarietà è nemica della nostra forma fisica; più tempo dedicheremo all’attività sportiva e minore impatto avranno eventuali sgarri fatti durante le ferie.

 


Richiedi informazioni