Perché e per chi farlo? (perdere peso)

Perché e per chi farlo? (perdere peso)

Quando si cercano le motivazioni per perdere peso, per iniziare a fare movimento, mangiare sano, si cerca sempre una motivazione valida. O una motivazione abbastanza forte che possa dare la scossa. Capace di metterti in riga, di iniziare oggi e non continuare ad aspettare domani.

Da una parte è giusto. D’altra parte spesso si tratta di una trappola, di un’illusione.

Ciò che stai facendo è semplicemente trovare un motivo valido, condivisibile, ma anche quando i benefici (o I pericoli) sono evidenti, non è detto che funzioni.

Il motivo è che per fare qualsiasi cosa bisogna crederci non farsi convincere, e nemmeno cercare di convincersi.

Perché? Per chi?

Anche se può sembrare paradossale, ogni cambio delle abitudini alimentari, ogni percorso di weight loss, inizia prima di cominciare. (Si è un gioco di parole ma è vero)

Se non sai dove stai andando non puoi arrivare. Se non sai perché sei in cammino ti fermerai dopo poco tempo.

Qual è allora il vero motivo per il quale ti stai privando di tutto ciò che ti piace? E ti stai mettendo in cammino verso giorni o mesi di sacrifici (solitamente viene vista così)?

Se non trovi il tuo perché non può funzionare.

Ho incontrato tantissime persone che volevano perdere peso e non sapevano bene il motivo. Dicevano “mi sembra giusto…:”

Non basta.

Se ne trovi uno generale o usi quello degli altri non può funzionare. 

“Sta iniziando anche un’amica” o “Mi hanno detto che forse dovrei perdere qualche kg…”

Se ti lasci convincere non funziona. 

O in altri casi si è portati ad assecondare le richieste, I desideri (anche impliciti o mai rivelati) del partner o di chi ci sta vicino.

Persone che vogliono sentirsi più sexy, madri che pensano che I propri figli sono a disagio con una mamma sovrappeso, uomini che credono di raggiungere il successo perdendo peso e tonificando il corpo. Può essere giusto ma anche sbagliato.

I motivi altrui possono essere l’inizio. Possono farti pensare ma tocca a te decidere di farlo davvero.

1) è sempre sbagliato lasciarsi condizionare a tal punto che gli altri decidano per te.

2) Nel percorso non ci saranno gli altri ma Tu

(che non significa che qualcuno che ti sostenga non serva, ma è un’altra storia)

Perché non dimagrire? E perché allora fumare?

In altri casi invece sembra che non ci sia un motivo chiaro ma neanche un motivo per il quale non farlo. D’altronde la scienza, l’esperienza, dice che mangiare sano e fare attività fisica migliora la qualità della vita.

Insomma non ci sono controindicazioni mentre sono evidenti I rischi di non curare il proprio corpo. Eppure neanche questo è sufficiente.

Non sono mai d’accordo quando qualcuno cerca di “convincere” ad iniziare una dieta elencando tutti I rischi ai quali si può andare incontro non facendolo.

(N.b Informare, diffondere la cultura del rispetto del corpo, della salute, non è chiaramente in discussione)

Mi viene in mente il caso di chi fuma. Nel mondo ci sono un miliardo di fumatori e quasi tutti sanno I rischi che corrono. In alcuni paesi, come in Italia, sono addirittura state inserite immagini shock sui pacchetti.

Eppure neanche questo è garanzia di successo. Sapere che fa bene o fa male non basta.

Si può essere la molla che fa iniziare, ma poi?

Come si trova la forza di iniziare e portare a termine qualcosa?  Come si trova la forza di iniziare un percorso per perdere peso e raggiungere il risultato?

Vorrei poter dire che ho la soluzione definitiva ma non sarei onesto.

Come Health Coach posso starti accanto, posso prepararti un programma alimentare e di esercizio fisico, posso suggerirti qualche “trucchetto” per combattere la fame, per rimettere in moto il metabolismo…

Ma la cosa più importante che posso fare è ricordarti ogni giorno perché hai iniziato.

E se tu un motivo non ce l’hai, non è abbastanza forte o non è tuo…allora è difficile che possa funzionare.

Trova il tuo motivo, il tuo perché. Stare bene e perdere peso inizia da qui, prim’ancora di salire sulla bilancia.


Richiedi informazioni